On. Cattaneo (Forza Italia) e On. Paternoster (Lega) intervengono a favore dell’Autotrasporto su GNL e Austria.

FDG22029 – Oggetto: Fondo di garanzia. Proroga delle misure previste dall’art. 13 del d.l liquidità.
13 Gennaio 2022
Tabella aggiornata delle attività consentite senza green pass, con il green pass base e con il green pass rafforzato.
14 Gennaio 2022

On. Cattaneo (Forza Italia) e On. Paternoster (Lega) intervengono a favore dell’Autotrasporto su GNL e Austria. 

Roma, 14 gennaio 2022

 

Paternoster: Provincia autonoma di Bolzano: NO a nuove norme contro l’Autotrasporto Nazionale

 

Leggo con stupore le proposte che la Provincia autonoma di Bolzano starebbe per indirizzare al Governo, riguardanti la gestione del flusso dei mezzi pesanti lungo la A22 del Brennero. 

Se da un punto di vista del rispetto ambientale e nell’ottica di favorire la transizione ecologica è giusto premiare i veicoli meno inquinanti con tariffe più basse rispetto ai vecchi camion euro 3 o euro 4(sarebbe ora, dato che le tariffe autostradali della Modena – Brennero sono tra le più alte in Italia), trovo inaccettabile e soprattutto inapplicabile la proposta di re-introdurre una sorta di nuova norma ad  ecopunti (modello Austria anni 90! ) che dovrebbe, secondo i vertici bolzanini, far regolare il flusso di traffico, per evitare congestionamenti.

Ora, non vedo come gli autotrasportatori possano scegliere i giorni in cui far viaggiare i propri camion lungo l’asse del Brennero, in quanto le esigenze della committenza sono sempre più rigorose e stringenti. 

Questa ipotesi, quantomeno bizzarra, non vorrei fosse introdotta solamente per “far cassa”, costringendo la categoria a pedaggi ancora più onerosi degli attuali. 

Infine, questa idea si scontrerebbe con le sempre maggiori restrizioni alla circolazione pesante  imposte dal calendario del Codice della Strada. Invitiamo quindi la Provincia autonoma di Bolzano a condividere tali scelte sia con la committenza ma soprattutto con le categorie degli Autotrasportatori per evitare l’introduzione di nuove norme anti economiche(azione abituale, purtroppo, orchestrata regolarmente dagli “amici austriaci), che danneggerebbero una categoria, quella dell’Autotrasporto italiano, già alle prese con gravi problemi settoriali. 

***-***

 

Delega Fiscale: On. Cattaneo presenta un emendamento a supporto delle imprese di autotrasporto che hanno investito in sostenibilità, in mezzi ad alimentazione alternativa a metano liquefatto (GNL). Auspichiamo intervento di supporto analogo da parte degli altri partiti

E’ ampiamente nota la corsa verso l’alto dei prezzi dell’energia il cui prezzo è giunto ai massimi storici, corsa che rischia di minare a medio termine e se non interrotta, la ripresa economica in atto incidendo soprattutto sui consumi.

Appare evidente che gli effetti negativi di questa dinamica dei prezzi si ripercuote maggiormente dove l’energia è un fattore di produzione rilevante. Il trasporto tutto, l’autotrasporto in particolare, è il settore maggiormente colpito; circa un terzo dei costi funzionali alla operatività degli autoveicoli per il trasporto merci è da ricondurre al carburante per autotrazione.

In questo quadro ci preme segnalare l’emendamento presentato dall’on. Cattaneo di Forza Italia volto a supportare le imprese di autotrasporto che hanno investito nell’acquisto di veicoli a GNL (Gas metano Liquefatto) che, con i prezzi del metano attuali, risultano essere di fatto “fuori mercato”.

L’emendamento propone di riconoscere a partire dal 1° gennaio 2022 un credito d’imposta nella misura del 30 per cento del costo di acquisto al netto dell’imposta sul valore aggiunto di gas naturale liquefatto utilizzato per la trazione dei predetti mezzi, alle imprese attive sul territorio italiano che svolgono attività logistica e di trasporto delle merci in conto terzi con mezzi di trasporto ad elevala sostenibilità ad alimentazione alternativa a metano liquefatto.

La misura potrebbe alleviare le difficoltà delle nostre imprese almeno per l’anno in corso nella speranza che i prezzi tornino a livelli accettabili.

Si auspica infine un intervento di supporto analogo da parte degli altri partiti.

 

Area Riservata