Green Pass: estensione dell’obbligo ai lavoratori del settore pubblico e privato.

LAV21404 – Oggetto: Anpal – Nota Interpretativa Fondo Nuove Competenze
16 Settembre 2021
Webinar Conftrasporto: “TRASPORTO E LOGISTICA. Un asset strategico fortemente esposto alla concorrenza internazionale – la leva fiscale quale limite e opportunità”.
17 Settembre 2021

Green Pass: estensione dell’obbligo ai lavoratori del settore pubblico e privato.

Roma, 17 settembre 2021

Il Governo, nella seduta del Consiglio dei Ministri del 16 Settembre, ha approvato il decreto legge che estende l’obbligo del Green Pass ai lavoratori del settore pubblico e a quelli del settore privato, che non erano ancora stati inclusi dai precedenti provvedimenti in materia.

L’obbligo scatterà dal prossimo 15 Ottobre (con durata fino al 31 Dicembre p.v – termine previsto per la cessazione dello stato di emergenza), per cui i lavoratori avranno tempo fino a quella data per adeguarsi alle nuove regole entrando in possesso del Green Pass tramite vaccinazione anti Covid o tampone (antigenico o molecolare) negativo.

Di seguito si riporta uno stralcio del comunicato stampa del Governo di maggior interesse per le attività private, rinviando per la lettura del testo integrale al link seguente: https://www.governo.it/it/articolo/comunicato-stampa-del-consiglio-dei-ministri-n-36/17925

Lavoro privato

A chi si applica

Sono tenuti a possedere e a esibire su richiesta i Certificati Verdi coloro che svolgano attività lavorativa nel settore privato.

Dove si applica

Il possesso e l’esibizione, su richiesta, del Certificato Verde sono richiesti per accedere ai luoghi di lavoro.

I controlli e chi li effettua

Come per il lavoro pubblico, anche per quello privato sono i datori di lavoro a dover assicurare il rispetto delle prescrizioni. Entro il 15 ottobre devono definire le modalità per l’organizzazione delle verifiche. I controlli saranno effettuati preferibilmente all’accesso ai luoghi di lavoro e, nel caso, anche a campione. I datori di lavoro inoltre individuano i soggetti incaricati dell’accertamento e della contestazione delle eventuali violazioni.

Le sanzioni

Il decreto prevede che il personale ha l’obbligo del Green Pass e, se comunica di non averlo o ne risulti privo al momento dell’accesso al luogo di lavoro, è considerato assente senza diritto alla retribuzione fino alla presentazione del Certificato Verde. Non ci sono conseguenze disciplinari e si mantiene il diritto alla conservazione del rapporto di lavoro.

È prevista la sanzione pecuniaria da 600 a 1500 euro per i lavoratori che abbiano avuto accesso violando l’obbligo di Green Pass.

Per le aziende con meno di 15 dipendenti, è prevista una disciplina volta a consentire al datore di lavoro a sostituire temporaneamente il lavoratore privo di Certificato Verde.

Tamponi calmierati

Il decreto prevede l’obbligo per le farmacie di somministrare i test antigenici rapidi applicando i prezzi definiti nel protocollo d’intesa siglato dal Commissario straordinario per l’attuazione e il coordinamento delle misure di contenimento e contrasto dell’emergenza epidemiologica Covid-19, d’intesa con il Ministro della salute. L’obbligo vale per le farmacie che hanno i requisiti prescritti.

Le nuove norme prevedono inoltre la gratuità dei tamponi per coloro che sono stati esentati dalla vaccinazione.

17 settembre 2021

Area Riservata