Fit for 55. Dichiarazioni Antonio Tajani, coordinatore nazionale di Forza Italia

Il Punto di Paolo Uggè
17 Giugno 2022
Viabilità Nazionale
17 Giugno 2022

Fit for 55. Dichiarazioni Antonio Tajani, coordinatore nazionale di Forza Italia

Roma, 17  giugno 2022

 

Fit-for-55, Tajani (Fi): modificare con urgenza il compromesso su riforma Ets e Cbam, la transizione tuteli imprese e posti di lavoro. Forza Italia chiama tutti alla responsabilità: no alla deriva ideologica del Green deal

Bruxelles – «Il compromesso tra Ppe, socialisti e Renew sul pacchetto Fit-for-55 che sarà votato la prossima settimana in plenaria presenta criticità gravi ed evidenti per le nostre imprese, e la delegazione di Forza Italia chiede di modificarne con urgenza il contenuto. Occorre partire dal testo approvato durante la scorsa plenaria a Strasburgo, dove la maggioranza aveva già trovato un accordo costruttivo sulla riforma Ets, il nuovo Cbam (Meccanismo di adeguamento del carbonio alla frontiera) e il Climate fund. Il testo ricalcava l’impostazione della Commissione Industria (Itre) ed era in grado di coniugare transizione ecologica e sostenibilità industriale. Purtroppo, a causa dell’improvviso dietro front ideologico della sinistra e dei pregiudizi dei gruppi di opposizione, il testo era stato bloccato e rinviato in Commissione Ambiente. Il movimento azzurro chiama ora tutte le forze politiche alla responsabilità, superando preconcetti e ostacoli ideologici: la nostra manifattura è tra le più green del mondo, fa scuola per capacità di innovare in sostenibilità ambientale. Non possiamo consegnare il Green Deal alla deriva iper ambientalista destinata a distruggere imprese e posti di lavoro».

È quanto dichiara Antonio Tajani, coordinatore nazionale di Forza Italia e capo della delegazione azzurra al Pe, in una nota sottoscritta da tutti gli eurodeputati Fi.

«Chiediamo ai negoziatori di modificare l’accordo preliminare e a tutte le forze politiche proponiamo di sedersi al tavolo senza pregiudizi, guardando alla sostanza degli emendamenti. In particolare, sul Cbam (Meccanismo di adeguamento del carbonio alla frontiera) il compromesso è insoddisfacente per la mancata tutela delle esportazioni Ue (export rebate) e il rischio di esclusione dalle quote gratuite di CO2 (pensate come sistema correttivo a sostegno del nostro export) della maggior parte delle imprese europee che esportano prodotti verso Paesi terzi privi dei requisiti ambientali stringenti in vigore nell’Ue. Sulla riforma Ets, è troppo rapida la tempistica di eliminazione delle quote gratuite di CO2, che proponiamo di tenere fino al 2034, prevedendo dal 2028 al 2030 una riduzione del 10% l’anno per poi salire ad un phasing-out con taglio annuale del 17,5% tra 2030 e 2034. Infine ribadiamo il no all’estensione del sistema Ets al trasporto su gomma e agli edifici, chiedendo di introdurre nell’accordo gli emendamenti della Commissione Trasporti (TRAN) a sostegno delle imprese dei trasporti. Ringrazio Massimiliano Salini per il lavoro svolto.»

 

 

 

Area Riservata