Romania. Aggiornamento della classificazione degli Stati, ai fini delle misure dettate dal Covid-19.

NOR21431 – Oggetto: Criteri per la gestione dei luoghi di lavoro in esercizio ed in emergenza e caratteristiche dello specifico servizio di prevenzione e protezione antincendio – decreto del Ministro dell’Interno.
6 Ottobre 2021
Green pass obbligatorio dal 15 ottobre. Unatras chiede pariteticità tra vettori esteri e nazionali.
6 Ottobre 2021

Romania. Aggiornamento della classificazione degli Stati, ai fini delle misure dettate dal Covid-19.

Roma, 6 ottobre 2021

Il 30 settembre 2021, il Comitato nazionale per le situazioni di emergenza in Romania ha aggiornato (con validità dal 3 Ottobre u.s) l’elenco degli Stati classificati nelle aree verde, gialla e rossa sulla base dell’incidenza, negli ultimi 14 gg, dei nuovi casi di Covid-19 ogni 1.000 abitanti.

Secondo la nuova classificazione:

– Repubblica di Moldova, Armenia, Bulgaria e Bielorussia entrano nella zona rossa

– Austria, Svizzera, Gibilterra e Iran sono ora nella zona gialla (prima in quella rossa), così come l’Ucraina (proveniente dalla zona verde)

– Paesi Bassi, Francia, San Marino, Liechtenstein e Kosovo, sono entrati in zona verde.

L’altra novità riguarda l’esenzione dalla quarantena per gli autisti di camion provenienti dall’estero, quando si trovino alla guida del mezzo, a condizione che  siano in grado di dimostrare l’avvenuta vaccinazione (con uno dei vaccini autorizzati nella U.E) almeno 10 gg prima dell’ingresso in Romania, oppure abbiano sostenuto – con esito negativo – un tampone molecolare (RT – PCR) non oltre le 72 h precedenti l’ingresso in Romania.

Un elenco aggiornato al 1 Ottobre della nuova classificazione degli Stati, è disponibile sul sito dell’UNTRR (clicca qui).

Di seguito, si riepilogano le principali prescrizioni legate alla classificazione degli Stati nelle tre aree di rischio di cui sopra:

  • Le persone che arrivano in Romania da aree verdi provenienti da Stati membri dell’Unione Europea, dello Spazio economico europeo o della Confederazione svizzera non sono soggette a misure di quarantena;
  • Le persone che arrivano in Romania dalle zone gialle, compresi i conducenti di veicoli commerciali e di trasporto passeggeri , sono soggette a una quarantena di 14 giorni. La quarantena deve avvenire presso il domicilio della persona, in un luogo dichiarato o, a seconda dei casi, in un luogo dedicato designato dalle autorità.

Eccezioni:

  • persone che possono dimostrare la prova di un ciclo completo di vaccinazione contro COVID-19, completato almeno dieci giorni prima dell’arrivo in Romania;
  • persone in possesso di un test molecolare RT-PCR negativo (compilato non più di 72 ore prima dell’imbarco o dell’arrivo alla frontiera se viaggiano in autonomia);
  • persone che sono state confermate positive all’infezione da virus SARS-CoV-2 negli ultimi 180 giorni prima dell’ingresso in Romania, per le quali sono trascorsi almeno 14 giorni dalla data di conferma alla data di ingresso in Romania;
  • persone in transito, se lasciano la Romania entro 24 ore dal momento in cui sono entrati nel territorio del paese;
  • lavoratori frontalieri che entrano in Romania da Ungheria, Bulgaria, Serbia, Ucraina o Repubblica di Moldova.
  • Le persone che arrivano in Romania dalle zone rosse, compresi i conducenti di veicoli commerciali e i conducenti di trasporto passeggeri, sono soggette a una quarantena di 14 giorni. La quarantena deve avvenire presso il domicilio della persona, in un luogo dichiarato o, a seconda dei casi, in un luogo dedicato designato dalle autorità.

Eccezioni:

  • persone che possono dimostrare la prova di un ciclo completo di vaccinazione contro COVID-19, completato almeno dieci giorni prima dell’arrivo in Romania.
  • persone che sono state confermate positive all’infezione da virus SARS-CoV-2 negli ultimi 180 giorni prima dell’ingresso in Romania, per le quali sono trascorsi almeno 14 giorni dalla data di conferma alla data di ingresso in Romania.
  • persone che soggiornano in Romania per meno di 3 giorni (72 ore) e hanno un test molecolare RT-PCR negativo per l’infezione da virus SARS-CoV-2, completato non più di 72 ore prima dell’imbarco o dell’arrivo alla frontiera se viaggiano in modo autonomo. Se le persone non lasciano la Romania entro 3 giorni (72 ore), saranno messe in quarantena per un periodo di 14 giorni, a partire dal quarto giorno successivo all’ingresso nel territorio rumeno.
  • lavoratori frontalieri che entrano in Romania da Ungheria, Bulgaria, Serbia, Ucraina o Repubblica di Moldova.
  • persone in transito, se lasciano la Romania entro 24 ore dal momento in cui sono entrati nel territorio del paese.
  • I conducenti stranieri che arrivano in Romania da paesi terzi (diversi dagli Stati membri dell’Unione europea, dallo Spazio economico europeo o dalla Confederazione svizzera) non sono esentati dalla quarantena, indipendentemente dalla classificazione della zona: verde, gialla o rossa

La misura di quarantena è stabilita per un periodo di 14 giorni indipendentemente dall’area in cui si trova il Paese di arrivo.

Eccezioni :

  • persone che possono dimostrare la prova di un ciclo completo di vaccinazione contro COVID-19, completato almeno dieci giorni prima dell’arrivo in Romania.
  • persone che soggiornano in Romania per meno di 3 giorni (72 ore) e hanno un test molecolare RT-PCR negativo per l’infezione da virus SARS-CoV-2, completato non più di 72 ore prima dell’imbarco o dell’arrivo alla frontiera se viaggiano in modo autonomo. Se le persone non lasciano la Romania entro 3 giorni (72 ore), saranno messe in quarantena per un periodo di 14 giorni, a partire dal quarto giorno successivo all’ingresso nel territorio rumeno.
  • persone che sono state confermate positive all’infezione da virus SARS-CoV-2 negli ultimi 180 giorni prima dell’ingresso in Romania, per le quali sono trascorsi almeno 14 giorni dalla data di conferma alla data di ingresso in Romania.
  • persone in transito, se lasciano la Romania entro 24 ore dal momento in cui sono entrate nel territorio del paese.
  • lavoratori frontalieri che entrano in Romania dall’Ungheria, dalla Bulgaria, dalla Serbia, dall’Ucraina o dalla Repubblica di Moldova.

La prova della vaccinazione (e del tampone molecolare) è costituita dal Certificato Digitale COVID UE, o dal documento rilasciato dal centro sanitario che lo ha somministrato in Romania o all’estero, e presentato nella lingua del paese in cui è stato somministrato il vaccino e in lingua inglese .

06 ottobre 2021

Area Riservata