Germania. Aggiornamento della classificazione degli Stati.

NOR21326 – Oggetto: Autotrasporto. Interesse moratorio da applicare in caso di ritardato pagamento per le fatture di trasporto nel secondo semestre 2021.
14 Luglio 2021
Articoli del 14 luglio 2021
14 Luglio 2021

Germania. Aggiornamento della classificazione degli Stati.

Roma, 13 luglio 2021

La normativa Tedesca sulle restrizioni per arginare la diffusione sul Coronavirus, resterà in vigore fino al prossimo 28 Luglio. Questa normativa, distingue tre tipi di “aree a rischio”: aree a rischio “normali”; aree in cui il tasso di incidenza è particolarmente elevato (“aree ad alta incidenza”, Hochinzidenz-Gebiete); aree in cui sono diffuse le nuove varianti del virus (“aree a rischio varianti”, Virusvarianten-Gebiete).

Sulla base delle ultime determinazioni assunte, il Portogallo, il Regno Unito e la Federazione Russa sono state classificate come “aree a rischio varianti”, stante il progressivo peggioramento della situazione contagi in questi Paesi.

Di conseguenza, e sulla base della nuova versione del CoronaEinreiseVO, le seguenti regole si applicheranno ai conducenti di trasporti di merci in ingresso in Germania che hanno soggiornato in una o più dei predetti Stati negli ultimi 10 giorni:

  • Nessun obbligo di pre-registrazione sul portale;
  • Obbligo di dimostrare test negativo /vaccinazione/guarigione da COVID-19 prima dell’ingresso solo in caso di permanenza superiore a 72 ore;
  • Necessità della prova di un test COVID-19 negativo (test rapidi: validi fino a 48 h,  test PCR: validi fino a 72 h ). In alternativa, va fornita prova della vaccinazione COVID-19 completata almeno 14 giorni prima dell’ingresso o – in caso di avvenuta guarigione dal virus – la prova basata su un test PCR eseguito almeno 28 gg prima e non oltre 6 mesi prima dell’ingresso

Tutte le prove di cui sopra possono fornirsi in tedesco, inglese, francese,  italiano o spagnolo , in forma scritta o digitale.

Per i soggiorni inferiori alle 72 ore, non è richiesta nessuna delle descritte formalità.

Per un quadro della classificazione corrente degli Stati adottata dalla Germania cliccare qui.

L’Italia, attualmente, non è considerata “area a rischio”, per cui chi proviene o ha soggiornato nel nostro Stato negli ultimi 10 gg, non deve sottostare a nessuna delle prescrizioni stabilite dalla normativa tedesca anti Covid, compreso l’obbligo di pre registrazione sul portale prima indicato.

Per chi è interessato ad approfondire la situazione vigente in Germania, consigliamo la lettura della pagina dedicata sul sito dell’Ambasciata Italiana.

13 luglio 2021

Area Riservata