La Settimana FAI

CCNL: INCONTRO FAI CON LE OO.SS.


Come anticipato in settimana FAI ha incontrato le OO.SS. sull’accordo relativo al rinnovo del CCNL del 3 dicembre scorso.


L’incontro - cui hanno preso parte anche le altre Associazioni che avevano posto la riserva - ha riguardato alcuni aspetti critici dell’accordo ed è stato, nei fatti, interlocutorio: è stato, infatti, ipotizzato un percorso comune per verificare la possibilità concreta di superare le criticità che FAI ha evidenziato, a valle del quale, dovrà essere necessariamente presa una decisione definitiva sull’accordo da parte nostra. Ovviamente del tema verrà interessato il Consiglio Nazionale programmato per il 16 febbraio.


Rimane forte l’auspicio di arrivare ad un esito positivo e rapido della vicenda per garantire a tutti, in particolare alle imprese, la dovuta chiarezza.


CONTRIBUTO ART PER IL 2018


Viste le numerose richieste di chiarimento, oserei dire di aiuto che giungono dalle imprese, mi corre l’obbligo di porre l’attenzione su un tema divenuto oramai annoso legato al contributo, o sarebbe meglio dire l’obolo, richiesto dall’Autorità di regolazione dei Trasporti per il suo funzionamento.


Come puntualmente riportato sulla nostra circolare sul tema, lo scorso anno su questa vicenda sono intervenute due pronunce autorevoli: la prima della Corte Costituzionale che ha affermato che i soggetti ai quali ART può richiedere il contributo sono soltanto quelli “che svolgono attività nei confronti delle quali l’ART ha concretamente esercitato le proprie funzioni regolatorie istituzionali”, la seconda del TAR Piemonte conseguente a nostro ricorso, ha affermato che “quanto agli autotrasportatori, rappresentati dall’associazione ricorrente, costoro non possono annoverarsi tra i legittimi destinatari del contributo dovuto all’ART per l’anno 2017, non risultando alcuna concreta attività di intervento dell’ART in questo settore. Di conseguenza le imprese di autotrasporto erano legittimate a non riconoscere alcun contributo.

 

La nuova delibera per il 2018 ha limitato l’obbligo di pagamento del contributo ai “servizi di trasporto di merci su strada connessi con porti, scali ferroviari merci, aeroporti, interporti”. Emergerebbe di fatto che il contributo sia dovuto in quanto ART regola settori, quali porti, scali ferroviari, ecc., connessi alla attività dei fornitori di servizi di trasporto. Quindi le imprese di autotrasporto per una sorta di proprietà transitiva verrebbero (uso il condizionale non a caso) anch’esse regolate.

 

Ciò detto, permangono delle perplessità di fondo sulla concreta regolazione che ART effettuerebbe sul settore e, proprio per fugare tali dubbi, sono in corso approfondimenti specifici per verificare le possibili azioni da compiere. Anche sulla base di tali approfondimenti, il tema verrà trattato ed una linea di azione verrà definita, nell’incontro del Consiglio Nazionale del 16 febbraio p.v.

09 febbraio 2018

Chi siamo

La F.A.I. Federazione Autotrasportori Italiani è la più grande associazione imprenditoriale del settore Trasporto merci per conto di terzi su strada in Italia, diretta, voluta e sostenuta unicamente dagli autotrasportatori.

I nostri contatti

Piazza G. G. Belli, 2
00153 Roma (IT)

tel. (+39) 06/58300213
fax (+39) 06/5816389